Avola, spiaggia Lido di Avola  rotonda-sul-mare-avola400

Perché venire ad Avola?
Perché è una cittadina, tranquilla, accogliente e rinomata per la mandorla “la Pizzuta”,  il vino “Nero d’Avola” ed i giardini di Limoni. Inoltre per la posizione geografica strategica a metà strada tra Noto e Siracusa, nonché al centro della Sicilia Sud Orientale e si affaccia sulla costa del mar mediterraneo; e per l’aspetto economico, infatti è possibile vivere  una vacanza low-cost, al sole e al mare senza rinunciare alla qualità della buona cucina tipica siciliana, che gli ospiti potranno assaporare nei ristoranti di Avola, consigliati dallo staff del bed and breakfast in base alle proprie esigenze e a prezzi inferiori di città più affollate di turisti. Avola comune nel Siracusano offre dei siti interessanti da visitare:

Laghetti di Avola, il teatro comunale, il museo Palmento, le chiese in Tardo Barocco Liberty con interessanti affreschi e le facciate con la pietra di Noto, in particolare la chiesa SS.Annunziata con le sue architettura rappresenta un interessante sito Unesco.
La pianta esagonale del centro storico rappresenta una tipica pianta urbanistica che si sviluppo nel settecento in Sicilia e divenne modello urbanistico in tutto l’assurdo.

Poi le innumerevoli spiagge che insistono nel territorio di Avola per diversi Km: la spiaggia Lido di Avola una delle piu lunghe del Paese dove negli anni 40 fu costruita la rotonda sul mare meta di serate estive con musica e balli e da qualche anno riportata agli antichi splendori dopo una lunga ristrutturazione.
La spiaggia pantanello a forma di ferro di cavallo con battigia profonda e molto particolare.
La spiagga dell’antica Tonnara detta ‘a loggia’ dove si trovano i resti dell’antica Tonnara di Avola
Il porto con le piccole barche dei pescatori e le pescherie. La spiaggia cirata lunga e profonfa lambita dalla foce del fiume Asinaro. Mentre a nord del B&B, Caponegro la scogliera con i suoi scogli bianchi. La spiaggia di Gallina ampia e lunga con sabbia dorata limitata da scogliere bianche dove ci si può tuffare nelle acque azzurre. Ancora più a nord si sono delle calette dove la pace regna sovrana. Infine la spiaggia del Gelsomineto nella riserva del Marchese di Cassibile, dove una pineta offre ristoro e si trova la foce del fiume Cassibile

Share Button